Signore dai forza al mio nemico e fallo vivere a lungo, affinché possa assistere al mio trionfo!

 

 

di D’Ivano Letto

Nell’attesa di veder finalmente realizzato il progetto di disintegrazione del maggior bene del demanio culturale cittadino e con esso del patrimonio finanziario comunale – progetto iniziato negli ultimi anni dello scorso millennio che ha visto il Comune di Siena impegnato nell’emissione dei B.O.C. (Buoni Ordinari del Comune) con annessi un congruo numero di swap (i famigerati derivati) i quali, dopo aver contribuito alla riduzione in macerie del patrimonio di Banca e Fondazione MPS, ancora oggi svolgono egregiamente la loro funzione di sostegno del debito iscritto in bilancio dell’ente locale, propedeutici all’affidamento in appalto dei servizi di valorizzazione del bene culturale (in cui il Comune anziché riscuotere un canone concessorio, é impegnato a pagare più di un corrispettivo alle imprese del già noto R.T.I.), auspicando che qualcuno ricordi al dirigente del Santa Maria della Scala (per il quale concessione ed appalto pari sono – cfr. l’Atto dirigenziale n. 877 del 9/6/2016) cosa dice l’art. 1 della legge 20/1994, assistiamo oggi ad un nuovo episodio che vede impegnati da una parte il Comune di Siena in qualità di proprietario, dall’altro Opera Laboratori Fiorentini s.p.a. in qualità di occupante.
Tale significativo atto, da ascrivere al capitolo del cambio di destinazione d’uso degli spazi un tempo destinati ad essere il luogo ove raccogliere la millenaria documentazione della Storia di Siena ed oggi, più pragmaticamente, ridotto a bottega medievaleggiante, ci viene direttamente comunicato dal primo cittadino il quale, vestiti per l’occasione i panni dell’archeologo, ci informa che dentro il Santa Maria della Scala c’é la Francigena!
Piuttosto che essere relegato all’interno di un comunicato sulle risorse patrimoniali reperite per il recupero dell’importante manufatto, l’annuncio avrebbe meritato più degno spazio; ma, come al solito, il vil danaro ha la meglio sulla Storia. Apprendiamo infatti, casualmente, come il Piano Operativo Regionale (finanziato con risorse pubbliche), preveda l’erogazione di finanziamenti a “babbo morto” per i progetti che abbiano a che fare con la Via Francigena. A questo punto, é sufficiente associare il toponimo anzidetto alla “provvidenziale” presenza nelle vicinanze della ditta suddetta ed il gioco é fatto! L’antica strada modificherà il proprio percorso portandosi in dote i contributi regionali.
Provate anche voi a casa: se avete a disposizione un viottolo, una mulattiera, financo un tratturo, battezzatelo “Francigena” ed informate i valorizzatori che, mossi da spirito filantropico, faranno il resto.
E’ perciò doveroso un ringraziamento ai nostri premurosi amministratori pubblici che, anziché finanziare le opere con i canoni concessori incassati, ci gratificano – questa volta assieme ai corregionali tutti – del privilegio di contribuire alla soddisfazione dei bisogni dell’occupante.

One comment

  • Ma era proprio necessario che i bravoni del comune e i geni del marketing del SMS si affidassero all’Opera Metropolitana di Siena per farsi aiutare nella gestione della biglietteria? cit:: «Lo scopo principale della biglietteria è quello di andare incontro alle problematiche riscontrate dal Comune nell’attirare i flussi turistici al Santa Maria. Ovviamente questo non potrà essere sufficiente se non viene fatta una politica di valorizzazione del complesso dell’ex Ospedale in maniera adeguata. Ma penso che il direttore Daniele Pittèri le sue idee ce le abbia e potrà approfittare, grazie anche alla propria fantasia, della nuova situazione. Noi dell’Opera della Metropolitana cerchiamo, anche in questo, di dare una mano. L’obiettivo è quello di fare sistema. Vogliamo mantenere i nostri flussi turistici ma vogliamo anche che la città ne possa trarre benefici» (http://www.sienanews.it/cultura/gian-franco-indrizzi-opera-metropolitana-a-siena-grazie-alla-biglietteria-unica-sara-possibile-fare-sistema/)… Boh! erano meglio Don Camillo e Peppone… almeno erano più veri e genuini!

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *