Sanità, Polimeni dalla Campania a Siena e i gruppi di potere

Come avevamo anticipato, il commissario alla sanità in Campania (a questo punto ex) Joseph Polimeni è stato nominato direttore sanitario dell’azienda Ospedaliera Senese. La forzatura iniziale di posizionarlo alla direzione generale non ha sortito effetti, così lo stesso Polimeni va a ricoprire il ruolo di direttore sanitario. Il braccio di ferro sulla direzione generale continua e Polimeni, prima di insediarsi alle Scotte,  si è premurato di  commentare con positività un post sulla bacheca facebook del consigliere regionale, il turborenziano, Scaramelli. Il turborenziano, proprio oggi, se ne esce con una sua intervista per dire “basta ai gruppi di potere” nella sanità: la solita “turbocomica” politica dello Scaramelli. A proposito, visto che siamo in argomento, lo Scaramelli non decide proprio un bel niente, lui parla con medici e infermieri, comprese le riunioni riservate con qualche primario, facendo capire che le decide lui le nomine, mentre invece le decisioni vengono prese altrove, lui è solo il “portalavoce” di quel gruppo di renziani che, verso la fine dell’Impero, tentano di posizionare i loro uomini nelle poltrone che si stanno liberando. Quello che Scaramelli non dice e non può dire, altrimenti perde i consensi, è la strategia in ambito sanitario e universitario decisa per la Toscana: rafforzare i poli di Firenze e Pisa. Su Siena oramai è solo una battaglia di poltrone, decise da altri. Non a caso la nomina di Polimeni è stata decisa escludendo completamente poteri e “non poteri” della sanità senese. Nella prossima puntata vi racconteremo il braccio di ferro per la direzione generale.

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *