La scandalosa richiesta di Stefano Scaramelli a Fulvio Mancuso

di Carlo Regina

Oggi è uno di quei giorni in cui, con scioltezza  e disinvoltura, si raggiunge il top in pochi secondi, il tempo di un caffè la mattina leggendo certe notizie. Roba da mettersi a ballare sulle note di “Touch me” della Samanta (“con l’acca”) Fox, solo per il fatto che leggendo queste notizie ci si rende conto dell’autogoal di certi personaggi politici, convinti di essere il faro da seguire, mentre sono al massimo il nulla travestiti da niente politico, prevedibili come il ritardo del tram di cinque alle dieci. Oggi, dalle colonne della Nazione, lo Scaramelli tuona e pretende le dimissioni da vice sindaco di Fulvio Mancuso (noi le chiediamo da quando è stato nominato), ma la cosa che colpisce di più non è tanto tale richiesta, quanto la motivazione: secondo lo Scaramelli, il Mancuso si dovrebbe dimettere perché non è più del Pd essendo passato dalla parte degli scissionisti. Roba da non crederci. Praticamente siamo al ridicolo, il Mancuso non si deve dimettere perché è in conflitto d’interessi con la sua carica, essendo lui assessore alle partecipate e la moglie consulente legale di una delle partecipate del Comune di Siena, la Fises, si deve dimettere perché non è più nel Pd. In pratica lo Scaramelli sostiene che, se sei del Pd, puoi fare sostanzialmente il cazzo che ti pare, anche se sei incompatibile con un documento da te firmato come la Carta di Avviso Pubblico, ma come esci dal Pd, decadono tutti i tuoi poteri di immunità garantita dal partito e quindi ti devi dimettere. Caro Scaramelli, fai una cosa fatta bene, insieme al Mancuso dimettiti anche te, mi sembra veramente il caso. Sei in regione da un bel po’ e tolleri senza fare una grinza il conflitto d’interessi delle sorelle Barni, tolleri che il tuo presidente, il Rossi abbia fondato un partito opposto al tuo Dio (scusa volevo dire leader) Renzi e poi fai la voce grossa con il Mancuso perché non è più nel Pd? Ma ti rendi conto quanto sei inadeguato a ricoprire un ruolo da innovatore? Altre cose dovresti fare, per esempio spiegare come mai un presidente di una Fondazione bancaria veniva nelle sede di un partito a farvi votare a favore o meno di un aumento di capitale, questo dovresti spiegare e subito dopo tornare al tuo lavoro, la politica, quella nuova, non fa per te.

 

One comment

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *