Messaggio promozionale: prendi tre, paghi uno! (Offerta valida fino ad esaurimento scorte)

di D’Ivano Letto

In merito alla nota del  20 aprile 2017, l’inchiesta condotta ci ha permesso di ricostruire lo svolgimento dei fatti accaduti lo scorso Lunedì di Pasqua in Cattedrale.

Il problema non era il Santo Sepolcro, bensì qualcosa di profano: l’ingresso (a pagamento) in Duomo.

Risulta infatti che una coppia di turisti si fosse indispettita nel vedersi passare davanti altri turisti arrivati dopo di loro. Messa così la questione, come dare loro torto!

Non va però trascurato un elemento fondamentale: quelli che passavano per primi avevano pagato di più! Infatti, presso la biglietteria unica del Santa Maria della Scala, con la maggiorazione di 1 euro, gli avventori possono acquistare biglietti “saltafila”.

La cosa evidentemente non era nota ai due che, in quanto avventori, si sono avventati sulle barriere poste all’ingresso. A quel punto, l’addetto all’accoglienza in Cattedrale non ha fatto “sconti”: a sua volta, si è avventato sugli avventori e, con un perfetto placcaggio, gli ha precluso l’accesso (e poi si dice che in Chiesa non entra più nessuno, qui addirittura si arruolano i buttafuori!).

Purtroppo, però, l’addetto ha avuto la peggio: è stato infatti curato al pronto soccorso cittadino e messo a riposo per alcuni giorni (sembra il caso di dire che di ferito, a questo punto, non c’è solo la Bellezza – cfr. “la bellezza ferita”).

Medesima sorte sembrerebbe toccata anche ad uno degli avventori, che è stato visitato al pronto soccorso e rimandato a casa.

Come cittadini, pur contenti per l’entusiasmo manifestato dai clienti del Duomo che, con sommo sprezzo del pericolo, pur di poter effettuare la visita, affrontano i cerberi posti a guardia del Sacro luogo, invitiamo alla prudenza ed alla moderazione.

Si dimostra ancora una volta la validità del biglietto unico! Con una unica tariffa potreste essere gratificati della visita all’acropoli cittadina, di un viaggio in questura e di una visita al pronto soccorso!

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *