L’enigma di San Galgano: il messaggio nella roccia di Scaramelli

Un consigliere regionale, il nostro lettore Stefano Scaramelli e il sindaco di Chiusdino, la monaciana-ceccuzziana Luciana Bartaletti, si ritrovano nell’incantevole luogo di San Galgano e il nostro lettore dopo il richiamo alla suggestione del luogo e alla solida amicizia con la Bartaletti, verga in un post su facebook una frase enigmatica: “Premesso che ogni visita non è puramente casuale, credo che chi dovere abbia capito”.
Noi non abbiamo capito! E trattandosi di due amministratori pubblici, sempre che il messaggio non era riferito ad altri amici, sarebbe cosa buona e giusta far capire, sia ai visitatori di San Galgano, sia ai cittadini della provincia e non solo, il significato della frase enigmatica.
Ci siamo consultati con uno studioso che conosce bene la storia del luogo e la filologia mistica e abbiamo ipotizzato alcune interpretazioni della frase del nostro lettore. Considerato che accanto all’Abbazia cistercense di San Galgano si trova l’Eremo o Rotonda di Montesiepi e all’interno dell’Eremo di trova la spada di San Galgano infissa nella roccia, la prima ipotesi potrebbe essere  che nottetempo, lo Scaramelli, tra un post e l’altro, senza dire nulla al Parrini e a Lotti, abbia estratto la spada, e che il “credo che chi di dovere abbia capito” sia  riferito al mago Merlino.
L’altra ipotesi, fuori da valutazioni mistiche e leggendarie, ci conduce al rinnovo della presidenza dell’Unione dei Comuni della Val di Merse, poltrona attualmente occupata dal sindaco di Sovicille, Guseppe Gugliotti. Siccome la Bartaletti, dopo una breve parentesi tutta filo-ceccuzziana è ritornata nella posizione di origene, quella filo-monaciana, per fare un favore al suo mentore Alberto Monaci, lo Scaramelli sta sponsorizzando per la presidenza proprio Luciana Bartaletti. Quindi il “credo che chi di dovere abbia capito”,  potrebbe essere riferito ai suoi compagni di partito contrari al nominativo della Bartaletti.

La terza ipotesi, se vuole, ce la può illustrare direttamente lo Scaramelli, tra una tavola rotonda e un’altra…

2 comments

  • Carissimo Carlone, gustoso assai questo pezzo, e stimolante dal punto di vista politologico-senesota.
    Oggi mi interessa di più lo scontro Macron-Le Pen (anche se tutto sembra già definito), e comunque credo che dovremo attendere che sia l’ottimo neo-blogger Franchino il Ceccuzzi a dipanare il mistero piddino di San Galgano: oh Franco, illuminaci dunque su questo incontro carbonaro-mistico…

    Buona (laicissima) domenica, l’eretico

    • Del blog ceccuzziano ci interessano soprattutto le ricette, ha detto che parlerà di gastronomia, vedremo.

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *