Clarich deve sollevare l’incompatibilità di Del Regno nel rispetto dello statuto della Fondazione!

Mai cosi in basso, mai, nemmeno nel peggior periodo con a  guida il groviglio: le istituzioni utilizzate per conferire un incarico alla solita persona! La vicenda delle nomine nei confronti di Del Regno, oltre a confermare che l’attuale sindaco di Siena Valentini Bruno è il peggior sindaco della storia repubblicana, mette in risalto lo scivolone istituzionale del consiglio regionale.
Il giornalista Orlando Pacchiani, ieri, sulle pagine dell’edizione senese della Nazione, ci informa che il consiglio regionale della Toscana ha nominato Vincenzo Del Regno nuovo membro della Corte dei Conti sezione regionale Toscana.
Ci sarebbe da chiedere ai consiglieri che hanno votato la suddetta nomina come sia possibile nominare alla Corte dei Conti, considerato che la Corte controlla i bilanci e gli atti dei comuni, un segretario comunale non ancora in pensione, che fino a qualche ora fa era il segretario generale dell’area metropolitana fiorentina e prima ancora era segretario del Comune   di Siena  di altri comuni della Toscana. I signori consiglieri, prima di nominarlo, si sono accertati se ci sono in essere provvedimenti della Corte dei Conti, o verifiche in corso, in merito ad atti o bilanci dei comuni in cui Del Regno ha ricoperto il ruolo di segretario generale?
Chiediamo ai consiglieri regionali, che non hanno votato la delibera di nomina di Del Regno, di inviare l’atto alla Presidenza della Repubblica e al Presidente della Corte dei Conti a Roma per una verifica. Inoltre, chiediamo ai consiglieri regionali, se al momento della nomina di Del Regno alla Corte dei Conti, il presidente del consiglio regionale ha informato i presenti che lo stesso Del Regno è membro della deputazione generale della Fondazione Monte dei Paschi, essendo la regione uno degli enti nominanti e che lo statuto rende incompatibile la permanenza in Fondazione di un membro in carica presso la Corte dei Conti.
Inoltre, e qui siamo sul piano politico, merita ricordare che Vincenzo Del Regno è stato insieme al sindaco di Siena Valentini Bruno, uno dei primi firmatari del primo comitato Renzi. In seguito, appena Valentini si è insediato al comune di Siena, ha nominato proprio il firmatario Del Regno come segretario comunale. Dopo un periodo al comune di Siena, il Del Regno è stato nominato dal renziano Nardella, segretario del comune di Firenze. E mentre era segretario a Firenze, il sindaco di Siena ha designato Del Regno nella deputazione generale della Fondazione Monte dei Paschi. Siccome quest’ultimo era incompatibile, i consiglieri regionali con un voto a maggioranza, visto che Del Regno doveva lasciare l’incarico di segretario generale, lo hanno nominato presso la Corte dei Conti.
Poi vi lamentate se la gente non va più a votare e prova disgusto verso i partiti. Le istituzioni regionali e una Fondazione bancaria piegate al volere di una nomina politica.
Chiediamo ai consiglieri comunali di Siena di scrivere al Ministero dell’Ecomomia per intervenire sulla nomina incompatibile di Del Regno e denunciare alla popolazione i giochi politici degni della peggiore prima repubblica che vedono il sindaco di Siena Valentini, insieme allo scissionista Rossi, tutti insieme appassionatamente a sostenere la nomina di Del Regno. Meno male Rossi voleva chiarezza su Mps e dintorni…..

2 comments

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *