Scaramelli, Giani e il Marroni

Dopo una breve pausa il nostro -ma forse più vostro-  Scaramelli consigliere regionale del PD -senza più il turbo- sempre allineato e fedelissimo del ministro dello sport Luca Lotti, ha ripreso i suoi “selfismi” (tratto da selfisti anonimi) ospedalieri e sanitari: lo potete  trovare ovunque, con i radiologi, con gli oncologi, con gli ortopedici, e tra i reparti dei vari nosocomi. Le strutture sanitarie e i convegni dei medici sono diventati la residenza fissa del consigliere Scaramelli. Ma qualcuno vicino al selfista, perché non gli consiglia di smetterla con questa sete fotografica di protagonismo? A forza di esagerare, il vostro Scaramelli, rischia di andare a sbattere. Il vostro Scaramelli, esagerando invece come al solito, è andato a Monticiano insieme alla sua amica Bartaletti e sono riusciti a far perdere il comune al loro partito. Per fare scopa, il vostro Scaramelli, è andato ad agitare i selfie anche a Rignano -il comune dei Renzi- con il risultato della sconfitta del PD rignanese. Poi, era partito per fare il blitz nella segreteria del PD senese, ma avendo finito i giga, il selfie è stato rinviato. Chissà dove punterà il prossimo selfie il vostro Scaramelli, non potendo più aspirare alla candidatura in parlamento? Sulla strada dei selfie ha trovato un nuovo affamato di protagonismo:  il presidente del consiglio regionale Eugenio Giani e  a questo punto per Scaramelli si aprono nuove strade avventurose. Anche il Giani, come Scaramelli, condivide la stessa passione sportiva per il ministro Lotti e non solo: entrambi hanno puntato alcune poltrone per il futuro. Il Giani ha due opzioni -una coincidente con Scaramelli- nella sfera di cristallo: farsi candidare sindaco di Firenze al posto dell’uscente Nardella , o attendere la fine del mandato di Rossi Enrico e puntare alla poltrona dello scissionista di Bientina. Poltrona, quella di presidente di regione, che agita i sogni selfistici di Scaramelli. Tanto è vero che,  per i suoi selfie, lo Scaramelli, ha mandato uno dei suoi fedelissimi, il Porcellotti consigliere comunale senese, a ricucire i rapporti con il selfista al quadrato Valentini Bruno, e come prova di pacificazione lo Scaramelli ha sostenuto la nomina di Del Regno in regione ( a proposito ma in regione e in consiglio comunale a Siena, le opposizioni non hanno nulla da dire su questa nomina?).

Il Marroni Luigi, in questi giorni, è ritornato sulle scene mediatiche per le acque agitate dentro e fuori la Consip. Merita ricordare che prima di approdare alla Consip, con il sostegno politico di Lotti Luca in tandem con l’allora piddino Rossi Enrico, il vostro (tutto vostro!) Marroni Luigi era il dominus della sanità toscana in qualità di assessore, perciò seguiamo con molto interesse la vicenda e siamo proprio curiosi di vedere come finirà l’affaire Consip, anche se la curiosità maggiore rimane verso i selfisti (Giani&Scar) in regione. Nel frattempo, avvertite Valentini Bruno, tra una consultazione urbanistica e l’altra con l’architetto Simone Vigni, di non stancarsi troppo con i selfie e i post su facebook per rilanciare la propria candidatura: oramai manca poco alla conferma ufficiale che non sarà più lui il candidato.

3 comments

  • Caro Carlone, quanto a Marroni, la faccenda si fa vieppiù stimolante! Per ora, però, riguarda solo le vicende Consip; visto che fa filtrare che vuole togliersi dei bei sassolini, il Marroni potrebbe svuotare la scarpa intera e parlare anche della Sanità toscanota: secondo me, c’è già chi ha principi di insonnia…

    Dacci sotto, l’eretico

  • ..se il consigliere volesse fare un saltino in pediatria..perchè senza insegnanti dell’infanzia ora è chiusa,magari potrebbe andare a “garantire il servizio”

  • Porcellotti non ha smentito,par di capire….

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *