I ritardi per la nomina del direttore generale Azienda ospedaliera di Siena: perché?

Ospedale Le Scotte Siena
Per tutelare il lavoro dei medici, del personale infermieristico e soprattutto per tutelare il servizio per i pazienti, urge una rapida azione di trasparenza per quanto sta succedendo a livello politico sulla testa dei cittadini nel settore della sanità.
I ritardi per la nomina del nuovo direttore generale dell’Azienda ospedaliera senese, non sono dovuti alla siccità, ma a uno scontro senza precedenti a livello politico: una partita tutta giocata tra l’assessorato regionale, Firenze e Pisa. Con i due consiglieri regionali eletti a Siena, Scaramelli e Bezzini, e il sindaco di Siena Valentini Bruno, completamente fuori gioco e succubi degli ordini politici che gli arrivano da quel che resta dei vertici regionali del loro partito.
Perché questi ritardi per la nomina del direttore generale?
Una corrente di pensiero spinge per riportare a Siena l’ex direttore sanitario Silvia Briani, oggi a Pisa, proprio con l’incarico di direttore generale dell’AOUS. Gli spingitori sono al lavoro ma anche i controspingitori.
L’altra corrente di pensiero spinge per traccheggiare in attesa che Morello Marchese (sospeso dal 1 febbraio per la condanna in primo grado), sia nelle condizioni giuridiche per poter ritornare a Siena come nuovo direttore generale.
Invece fresca di ieri è la tentazione in regione di nominare come nuovo direttore generale dell’Aous, Luigi Marroni, non più impegnato ai vertici di Consip. Anche se alcuni spingitori stanno suggerendo a Padoan di riconfermarlo alla Consip con il nuovo cda.
L’altra forzatura per il rinnovo del direttore generale arriva dal PD grossetano, il quale si sente escluso dalle poltrone nell’area sud della Toscana e quindi spingono per un direttore di “area” grossetana.
Invece l’assessore regionale Saccardi, per rafforzare il polo fiorentino e pisano, vorrebbe inviare come nuovo direttore generale un funzionario con il mandato di riorganizzare l’AOUS, ridimensionando il peso degli universitari e accorpando alcune U.O.C.
Ad esempio, già impazza l’idea di accorpare la U.O.C. di Endocrinologia, oggi diretta dal prof. Furio Pacini, non appena verso l’autunno ci sarà il pensionamento dello stesso Pacini.
Una guerra intestina tutta interna al PD sulle spalle dei cittadini e del servizio sanitario.

2 comments

  • Accorparla con che?

    • Guardi, faccia come noi. Si rivolga alla Saccardi per capire qual è la sua idea di accorpamento, visto che ha parlato di accorpamenti senza specificarne le modalità.

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *