Alessandro Fabbrini asso piglia tutto, vuole anche la presidenza della Fises

Nella Siena contemporanea, quella che il sindaco Valentini a parole vorrebbe più giusta, più equa, più solidale, più nuova, più progressista, più tutto, esistono ancora persone  come Alessandro Fabbrini, che sono nominate a ricoprire  più incarichi contemporaneamente, ma nonostante ciò non si placa la loro fame di nuovi posti sempre più di prestigio. Più di una volta abbiamo sottolineato come il Fabbrini sia una delle persone (ovviamente devoto al Pd, ceccuziano della prima ora) che ricopre più poltrone in assoluto, vediamo di fare un piccolo riassunto per la memoria dei nostri lettori: Direttore generale alle Terme Antica Querciolaia, consigliere (deputazione amministrativa) della Fondazione Mps, presidente di Sienambiente, vice presidente della Fises.

Alessandro Fabbrini dopo essersi proposto alla presidenza della Fondazione Mps e dopo aver subito una sorta di bocciatura interna al suo partito, si propone ora alla futura presidenza della Fises, che non ci scordiamo è una partecipata del comune e vede come socio privato la Fondazione Mps. Insomma tutta una cosa fatta in casa, un membro di una Fondazione bancaria, già vice presidente di una società di cui la stessa fondazione bancaria è socia privata, chiede un avanzamento di posto, da vice a presidente. A Siena le cose vanno all’incontrario, non è che uno essendo plurinominato in vari posti rinuncia a qualcosa, no, semmai ne chiede un avanzamento di carriera. A tal proposito andrebbe registrato che tempo fa lo stesso Fabbrini avrebbe dichiarato alla stampa, quando fu nominato presidente di Sienambiente, che si sarebbe dimesso da qualche incarico che stava ricoprendo, ancora stiamo aspettando, per ora di dimissioni nemmeno l’ombra, anzi, il Fabbrini rilancia e vuole anche la Fises. Se questo è il nuovo che avanza, come sostiene il Valentini, stiamo freschi.

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *