Il metodo del groviglio storico e il tentativo di inquinare il finale della campagna elettorale

Vi stupite della non presentazione della lista dei Cinque Stelle alle elezioni amministrative? Noi no! Non ci saremmo aspettati questo fatto paradossale, ma nemmeno riusciamo a meravigliarci più di tanto, conoscendo bene i nostri polli e ci riferiamo a quelli del solito groviglio storico. Cerchiamo di unire i puntini: ad un certo punto nella battaglia della “verità” (che non ci ha mai convinto e appassionato), irrompono le Iene e chi vanno a sdoganare? L’ex sindaco Pierluigi Piccini, che ancora non ci risulta le abbia querelate. Di seguito Lannutti, neo senatore dei Cinque Stelle,  entra nell’affaire Piccini-Iene e dice che all’ex sindaco bisognerebbe “dargli una medaglia”: a noi questa roba puzza di campagna elettorale lontano un miglio. Per un periodo i parlamentari dei Cinque Stelle hanno fatto comodo per il caso Rossi, poi a un certo punto alcuni giornali molto stimati da Verdini hanno incoronato il Piccini come baluardo di questa battaglia sul caso Rossi. Detta tra noi, a Verdini, vecchia conoscenza senese, piacerebbe un bel ballottaggio Valentini-Piccini. Non a caso l’ex dominus della Mensana ha esternato la dichiarazione di voto per Piccini. In fondo Verdini, alleato di Renzi e del PD, non si troverebbe male nemmeno con l’ex sindaco. Il Furiozzi è troppo svincolato da certe logiche del passato e per il groviglio meglio far confluire il bacino elettorale seguendo la scia delle Iene e del senatore Lannutti. Altro che “verità”, i soliti noti hanno strumentalizzato vicende dolorose per inquinare la campagna elettorale. Ad maiora.

3 comments

  • Caro Carlone,
    il tuo pezzo è denso di stimoli, come e più del solito: se venisse provato che Qualcuno – a maggior ragione un candidato a Sindaco, chiunque sia – ha brigato contro il regolare percorso democratico delle prossime Amministrative, sarebbe una cosa enorme, un autentico “Watergate al picio”; vediamo se dall’unione dei puntini, fra tutti, si riesce ad arrivare alla smoking gun, alla famosa pistola fumante: è una bella sfida, per i bloggers tutti e per i giornalisti-tesserati, no?
    Buona laicissima – financo paganeggiante – domenica, l’eretico

    • Caro Raffa, sei stato il primo a parlarne e noi abbiamo dato il nostro piccolo contributo. Pensiamo che il lavoro svolto darà i suoi frutti, ma fossimo in te non scommetteremmo su tanta unione di intenti, se ci hai fatto caso fino ad ora, eravamo veramente in pochi a smontare tutto il “caravanserraglio”…..Buona paganissima domenica anche a te.

  • Per non parlare poi delle dichiarazioni del Valentini (PD) che sfoggiando tutta la sua ipocrisia politica vuole rappresentare le istanze dei grillini. Avrebbe fatto miglior figura mantendendo il silenzio. E poi anche quel Pasquale D’Onofrio, candidato con Valentini, che spera di raccattare qualche voto dai grillini grazie alla sua storica amicizia con qualche esponente vicino al Furiozzi. A questo punto, bando alle ciance, Il Furiozzi e i grillini senesi per sgombrare il campo dai soliti giochini dovrebbero dire chiaramente che non c’è nessun sostegno verso Valentini e Piccini, altrimenti il problema non è solo la mancata certificazione della lista.

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *