Abbiamo chiesto al sig. Hanzo le sue prime impressioni su De Mossi sindaco

Un commento post-elettorale da parte del sig. Hanzo: cosa pensa di questa novità rappresentata con l’elezione del sindaco De Mossi?

Sto aspettando l’invito a cena da parte della redazione dello Stanzino perché  vi avevo anticipato che ci sarebbe andato lui al ballottaggio e che avrebbe vinto recuperando tra i novecento e i mille voti su Valentini, mentre voi eravate pessimisti. Detto questo, considero più che una novità l’elezione a sindaco dell’avvocato De Mossi. E’ ancora presto per giudicarlo compiutamente, per questo bisogna aspettare i primi due anni di amministrazione, però mi sbilancio e vi dico che non solo governerà saldamente per cinque anni, ma se lo vorrà, sarà sindaco per dieci anni. Tutte le polemiche di questi ultimi giorni sono la conferma che l’apparentamento anti-De Mossi era un salto nel fallimento e che il Valentini non era all’altezza di governare una splendida città come Siena. Considero vergognosa e irrispettosa delle istituzioni la polemica orchestrata da Valentini e dai comunicatori al seguito, per screditare il sindaco De Mossi proprio il giorno della carriera. Sarebbe questa la strategia dell’opposizione? Attaccano Salvini per indebolire De Mossi? Non hanno ancora capito niente del risultato elettorale!

In che senso?

Concordo con quanto scritto dall’Eretico sulla visita di Salvini a Siena, concordo in pieno. Del resto anche lo stesso sindaco De Mossi in conferenza stampa ha ribadito che il rapporto con gli ospiti nei giorni del Palio serve per rafforzare i contatti istituzionali e portare sostegno a Siena. De Mossi per governare non ha bisogno di Salvini. Luigi De Mossi ha i numeri per governare saldamente e la lega ha preso solo il 9% a Siena. De Mossi ha vinto, se sommate i voti della sua lista con i voti recuperati nel ballottaggio, si arriva a un 34% di voto non riconducibile ai partiti. Date retta, se non avete argomenti per contestare De Mossi e la sua amministrazione, andatevene al mare per i prossimi cinque anni, perché  le polemiche tra il PD e Salvini non spostano di un millimetro il consenso ottenuto da De Mossi. Ma poi, bisogna sentire parole moralizzatrici da un tizio, che durante il mandato di sindaco, mandava un sms al suo segretario politico per decidere le nomine della Fondazione Mps!?! Il PD prima deve chiedere scusa per le gestioni degli ultimi venti anni e dopo, soltanto dopo, potrà avere qualche carta in regola per essere credibile come opposizione a Siena.

Nessuna critica al sindaco De Mossi?

Il vero banco di prova sarà la nomina degli assessori. Solo un consiglio senza far nomi: caro sindaco, hai i consiglieri comunali dalla tua parte e anche gli elettori, nomina una giunta rappresentativa e qualificata e ricorda a tutti che il tempo delle “fave con l’anello al naso è finito”. Tutti aspettano il varo della giunta confidano nel polso fermo del sindaco, consapevoli che lo stesso sindaco ha la forza per dare le carte, perché  ha i cittadini dalla sua parte. Chi ha nostalgia del groviglio si può accomodare sul tram dell’opposizione, quello verso il mare per i prossimi cinque anni. Le critiche, eventualmente dopo il varo della giunta. Di positivo c’è che abbiamo un sindaco che parla inglese e si lascia intervistare in inglese e quindi sarà in grado di telefonare autonomamente alla regina d’Inghilterra, senza chiedere il permesso al “traduttore di partito”.

La lista dello sconfitto Valentini ha diramato un comunicato in cui parla di “mercimonio”.

Ci sarebbe da ridere, ma facciamo finta di non aver letto questa barzelletta. Semmai, il coordinatore della lista dello sconfitto, visto che si lamentano di accordi politici a favore di De Mossi, perché non ci racconta con chi era seduto al bar e di cosa stava parlando con un politico senese il 22 giugno, due giorni prima del ballottaggio?

 

5 comments

  • AAA
    CERCASI BLOGGER INDIPENDENTE, PREFERIBILMENTE GIAPPONESE, DISPONIBILE ALLA CRITICA CONTRO IL POTERE (cfr negli anni passati tutti i blogger senesi esaltavano il loro compito “statutario” di essere voce del contropotere). SI RICORDA AGLI INTERESSATI CHE IL SINDACO, IL MINISTRO DEGLI AFFARI INTERNI, I SOTTOSEGRETARI ED I PARLAMENTARI CHE SOSTENGONO DIRETTAMENTE OD INDIRETTAMENTE LA MAGGIORANZA, SONO I DEPOSITARI DEL “POTERE”, MENTRE GLI SCONFITTI ALLE ELEZIONI, PER QUANTO CONTROVOGLIA, RAPPRESENTANO L’OPPOSIZIONE (cfr il termine sotto intende al “POTERE”, definendo quindi i “POTENTI”). SI PREGA, UNA VOLTA ACCETTATO L’IMPIEGO, DI RISPETTARE LE REGOLE DEL GIOCO.

    • Carissimo A.B., dunque, dicci te cosa per ora dovremmo criticare. Facci una scaletta. A parte queste tue uscite un po’ puerili, ma sforzandoci di capire il motivo del tuo scritto in maiuscolo (azz..), vorremmo sommessamente ricordarti che: per ora, ad oggi, il groviglio ha tutte le sue pedine in piedi e operative, niente da parte di costoro è stato pagato. Che negli anni bui nei quali si era davvero in trincea quelli come te, a parte ciucciarsi il ditino, stavano allineati e coperti per non urtare il potentello di turno (non si sa mai tengo famiglia e lavoro), oppure al massimo si rendevano individui assolutamente neutri e privi di qualsiasi critica. Ora, al netto di tutto questo, senza dilungarsi troppo (francamente non ne abbiamo voglia), davvero pensi di poter insegnare a noi come si resiste e si fa critica? Sinceramente, siamo anche abbastanza sportivi, ma da gente come te, su questi piani non accettiamo nessuna osservazione, non puoi semplicemente permettertelo, anzi, a parte una bella risata, perché un po’ divertente sei, ci imbarazziamo per te. Rammenta che se ora scrivi e ti sfoghi nei blogs lo devi ad altre persone che si sono fatte il mazzo per te. Ad maiora.

  • Quando i bloggers contestavano il groviglio,molti di quelli che ora fanno la morale ai bloggers erano o allineati al groviglio oppure si nascondevano per non prendere posizione.

  • Caro Sig. Hanzo, lo sai bene che questi commenti polemici e scherzosi sono uno degli elementi vitali che rendono interessante un blog, luogo virtuale dove delle persone esprimono le proprie opinioni per poterne discutere con chiunque. Per questo innanzitutto ti ringrazio, per la assoluta libertà presente nello spazio e per la pazienza con la quale rispondi a delle provocazioni. Detto questo ti rispondo, è vero, siete stati ammirevoli nel passato, mostrando ed anche combattendo le storture e le brutture di un modello amministrativo autoreferenziale, talmente chiuso da portare alla autodistruzione e alla quasi rovina della città. Ma un mese fa avete fatto (per me) un errore, vi siete schierati, e da cronisti siete diventati politici. Il risultato sono i tuoi nuovi post, aperture di credito mai viste, visioni apologetiche e commenti da cinegiornale luce degli anni ruggenti. Io semplicemente sottolineo con le mie boutade questo momento particolare che mi colpisce parecchio e penso di potermelo permettere semplicemente perché non faccio politica, faccio altro, l’ho sempre fatto e continuerò a farlo, senza alcuna contiguità nè con i trenini del passato nè con quelli futuri. Il maiuscolo era soltanto perché gli annunci in maiuscolo colpiscono di più.
    Comunque grazie davvero, senza scherzi.

  • Il sig. Hanzo,non ha mai prodotto articoli con “visioni apologetiche”, non è nel suo stile. Il nostro stimatissimo maestro,ha voluto alzare il livello della discussione, per rimarcare che una fase storica è stata chiusa e che il nuovo sindaco, apre una nuova fase.
    Buona giornata

L’area commenti è chiusa.