La giunta comunale è fatta ma non basta!

Leggere anche oggi le esternazioni dell’ex sindaco Valentini sulla nomina della giunta comunale guidata dal sindaco De Mossi, ergendosi addirittura a professorino, ci conferma che la  sfacciataggine di chi ha gestito il potere con arroganza e miopia non ha veramente confini. Gli unici che non si possono permettere di parlare di “bilancino” e accordi politici sulle nomine, sono proprio i gestori delle nomine di apparato e di correnti trasversali degli ultimi venti anni. Proprio il sig. Valentini si è distino per arroganza e attuazione di quel poltronificio sistemico in piena campagna elettorale. Riposatevi, perchè voi del PD senese, siete gli unici che non possono avere nessuna credibilità per criticare nomine e accordi politici.

Detto questo, proprio in virtù del fatto che ci siamo schierati apertamente e con trasparenza in fase di ballottaggio con De Mossi, esprimiamo (noi ce lo possiamo permettere) il nostro rammarico per una giunta nominata frettolosamente e che suscita diverse perplessità. Ovviamente, non è una questione di nominativi, anche perché non abbiamo elementi per vergare giudizi sui singoli assessori nominati (per ora). Comunque, a scanso di equivoci, non è una critica dettata da pregiudizi o analisi da “puzza sotto il naso”. A parer nostro c’erano le condizioni per riflettere in funzione di una maggiore rappresentanza del variegato elettorato che ha contribuito al risultato elettorale e in funzione di un futuro rapporto allargato a tutta la cittadinanza, in maniera approfondita e con maggiore collegialità, per varare una giunta più forte. La giunta è stata nominata ma non basta. A questo punto ci teniamo le nostre perplessità e il nostro rammarico, ci auguriamo una partenza costruttiva tra assessori e sindaco e un’azione amministratrice concreta per superare definitivamente la sbornia post-elettorale.

Auspichiamo, sempre in virtù del “voltiamopagina” e di un annunciato “cambio di mentalità”, da parte del sindaco e della sua maggioranza,  una reale e lungimirante attenzione per coinvolgere nuove energie e figure competenti nella complessa e articolata gestione della città.

Ma soprattutto e lo diciamo in maniera disinteressata, per far ripartire al meglio la città e per non disperdere la fiducia dei cittadini, sarebbe davvero un bel segnale e un atto di maturità fin dal primo consiglio comunale, dimostrare alla cittadinanza che c’è una maggioranza consiliare determinata e coesa. Poi su certe analisi più approfondite ci torneremo e ci spiegheremo meglio. Ad maiora.

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.