Lettera aperta ai consiglieri comunali di maggioranza del comune di Siena

Le recenti elezioni hanno visto i bloggers senesi impegnati in prima fila in fase di ballottaggio per sostenere la candidatura di Luigi De Mossi. È proprio durante una affollatissima iniziativa che i bloggers hanno fatto un appello al voto, chiedendo ai cittadini di sostenere la candidatura di De Mossi per chiudere definitivamente la parentesi dei grovigli.
Ci siamo sentiti parte attiva della vittoria elettorale e  sentiamo la responsabilità per aver convinto diversi elettori del fatto che ci sarebbe stata una svolta.
Le chiacchiere stanno a zero e per questo chiediamo a tutti voi, proprio per rispettare gli impegni presi con gli elettori, di presentare un ordine del giorno da mettere ai voti per deliberare che “il comune di Siena chiuda definitivamente con il passato e con i grovigli” e per chiedere che all’interno della giunta comunale (sempre per rispettare quanto detto in campagna elettorale) non ci siano “assessori nominati durante la gestione Mussari” nelle partecipate della Banca.
Se in campagna elettorale è stato garantito che in giunta non ci sarebbero stati personaggi riferibili alle gestioni passate e se si chiede alla Fondazione di costituirsi parte civile, il primo segnale di coerenza deve arrivare dal consiglio comunale.

7 comments

  • Io credo che il successo di De Mossi è un successo popolare più che dei partiti. Se i partiti fossero stati meno famelici con molta probabilità il sindaco avrebbe fatto scelte più ponderate. Per questo, tanto di cappello a Fratelli d’Italia che si sono confermati, sotto la guida saggia di Forzoni, molto attenti. Chi ha dimostrato poca maturità politica è stata Forza Italia, e spero che al più presto ci sia un repentino ravvedimento perché è inopportuna la nomina della Biondi Santi, nomina fortemente sponsorizzata dalla solita Francesconi. Ma per rimettere in carreggiata il tutto, serve uno scatto repentino per sostituire la Cardin e il Tirelli, la prima imposta dal commissario della Lega Marco Landi che segue più i consigli del professore distaccato all’Elba che la base leghista. Il secondo, nulla di personale, non può fa parte della giunta del cambiamento perché era stato nominato da Mussari, in quota pdl verdiniano, nella Mps Belgio. Il sindaco, gran brava persona e serio professionista, non è in discussioni, anzi, va sostenuto, ma la giunta si, decisamente da cambiare. Per il bene supremo della città.

  • In giunta c’è almeno uno nominato in una partecipata, la Sansedoni. Si sarà anche dimesso ma qualcuno ce l’ha nominato e lui ha accettato.

  • Scusa Gloria,guarda che non c’entra una bella sega la Sansedoni.

  • gentilissima signora Gloria si spieghi meglio,
    lancia il sasso e poi tira indietro la mano
    in attesa

    • Il sindaco De Mossi è stato nel CDA di Sansedoni, che c’entra eccome col “sistema Siena”. Cerchiamo di essere seri.

  • A parte che De Mossi è stato nel cda della Sansedoni da indipendente e sai quale è la differenza sostanziale caro Gloria: il De Mossi il Mussari lo ha denunciato e il De Mossi non faceva parte di nessun giro spartitorio. Datti una calmatina, perché su questa cosa del De Mossi nella Sansedoni ci perdete tempo e basta.

Unisciti alla conversazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.